• Federica Frigo

IL PROCESSO DI RIVALUTAZIONE DELLE RISORSE

Una delle domande più frequenti che mi vengono poste dal Cliente è: “vorrei avere uno strumento che mi permetta di valutare le nostre collaboratrici assunte da tempo, e capire la loro attuale propensione al ruolo assegnato”.

La richiesta si riferisce a dipendenti presenti in azienda da molti anni che nel corso del tempo, a seguito di eventi personali, di vita o aziendali, possano aver cambiato la loro attitudine al ruolo, in peggio, perdendo lo “smalto” e l’entusiasmo iniziali. E così le performance del punto vendita possono risentire di cali di fatturato, a discapito dell’imprenditore che pretende un riscontro adeguato all'investimento effettuato.

La mia operatività è stata inizialmente di sedermi a tavolino con il Cliente e procedere in questo modo:


  • Capire cosa si vuole valutare e qual è l’obiettivo della valutazione, chiarendo prima di tutto cosa significa performance per l’azienda

  • Delineare la cultura aziendale e quale il contesto in cui opera

  • Definire le competenze necessarie, specifiche per il ruolo analizzato

  • Pianificare il metodo che si intende utilizzare ed i relativi processi

  • Decidere chi farà le valutazioni



Essendoci in gioco non solo la componente cognitiva ma anche comportamentale, si deve ricorrere ad un metodo oggettivo che, assieme ad una adeguata formazione delle risorse e con il supporto delle analisi di performance (KPI), possa consentire una serie di valutazioni rilevanti in fase decisionale di strategia, budget e gestione del singolo punto vendita, nonché indirizzare correttamente l'intera gestione aziendale.

Elaborato quindi lo strumento ed applicato il metodo, è importante procedere con un successivo e continuo monitoraggio dei risultati ed una costante motivazione del personale: i collaboratori motivati infatti danno il loro migliore contributo al raggiungimento degli obiettivi condivisi, si sentono parte dell’organizzazione, e il loro interesse verso i temi e le strategie aziendali cresce sempre di più.

L’utilizzo di tecniche di analisi a 360 gradi, non quindi di un solo ed unico strumento, permette di valutare i molteplici e diversi aspetti attitudinali, analizzare le softskills, misurare le conoscenze specifiche del ruolo, la padronanza di tecniche di vendita, una adeguata conoscenza del prodotto, classificare le capacità di teamworking e leadership (nel caso di Store Manager) favorendo nel management l’orientamento e lo sviluppo di capacità e conoscenze che permettano di valorizzare il capitale umano presente in azienda.

+39 347 4884500

©2020 di Federica Frigo. P. IVA 05147500283. Creato con Wix.com